Noia o curiosità? (Webinar con Pratica Filosofica)

 

NOIA O CURIOSITÀ?
Come essere ogni giorno
aperti alla vita

WEBINAR
CON PRATICA FILOSOFICA

 

 

Quante volte ci capita di dire: “Che noia!” o “Questa cosa mi incuriosisce proprio!”? Eppure, se dovessimo definire con precisione la noia e la curiosità, scopriremmo che non è facile esprimere a parole questi stati d’animo.

Non solo: noia e curiosità, da semplici stati d’animo, possono diventare veri e propri atteggiamenti esistenziali, che determinano il nostro modo di rapportarci col mondo.

Ecco allora che diventa importante comprenderle profondamente per viverle al meglio, senza che la noia ci schiacci e senza che la curiosità ci impedisca di sostare quando lo desideriamo.

E chissà che non arriviamo a scoprire che, per stare bene nella vita, l’una ha bisogno dell’altra e noi di entrambe… benvenuti dunque in questo viaggio alla ricerca di ciò che ci mantiene aperti alla vita ad ogni età!

 

COM’È ORGANIZZATO L’INCONTRO?
Il webinar, che si svolgerà in piccolo gruppo, si dividerà in due parti: la prima  sarà dedicata a una relazione in cui saranno presentati i due concetti di noia e curiosità, per cominciare a porli in una posizione dialettica; la seconda sarà rappresentata da una Pratica Filosofica comunitaria liberamente ispirata alla Comunità di Ricerca, tramite la quale esploreremo il rapporto tra noia e curiosità e il modo in cui esse dialogano armoniosamente per alimentare il motore della vita.

QUANDO E DOVE SI SVOLGERÀ?
Domenica 28 febbraio 2021, dalle 9.00 alle 13.00, online su Skype.

COME POSSO ISCRIVERMI?
Inviando una mail a:
info@viva-mente.it
oppure a:
info@studioapprendimenti.com

La partecipazione è gratuita, con iscrizione obbligatoria.
Per garantire la giusta interazione tra i partecipanti, è previsto un massimo di 12 posti.

Il Seminario e la Pratica Filosofica saranno condotti dalla dott.ssa Ada Moretti, Counselor Filosofico Professionista e docente di Pratiche Filosofiche e Dialogo Socratico SSCF-ISFiPP

Saper scegliere (Webinar con Dialogo Socratico)

 

SAPER SCEGLIERE
Pensieri efficaci
per decisioni autentiche

WEBINAR
CON PRATICA FILOSOFICA

 

 

“Scegliere”, verbo tra i più difficili nella vita!

Eppure, scegliere è necessario. Ma che cos’è una scelta? Quando siamo chiamati a scegliere? La scelta è sempre un atto della volontà?

Tramite il webinar prima, e mediante la Pratica Filosofica a seguire, scopriremo la differenza tra scelta e decisione e ricostruiremo i passaggi attraverso i quali la scelta si forma e diventa azione, imparando a conoscerne e determinarne i criteri e a individuare quelli davvero rilevanti per noi.

Ogni scelta è unica e ogni risultato è unico. Ma il vero obiettivo di una buona scelta non è quello di non sbagliare mai, bensì di poter guardare a posteriori anche le scelte errate sentendole comunque come nostre.

Se la scelta giusta è quella utile, la scelta veramente autentica è quella che ci appartiene.

 

COM’È ORGANIZZATO L’INCONTRO?
Il webinar, che si svolgerà in piccolo gruppo, si dividerà in due parti: la prima  sarà dedicata a una relazione in cui sarà illustrato e analizzato il concetto di scelta, per comprenderne a fondo tutte le sfaccettature; la seconda sarà rappresentata da un Dialogo Socratico, pratica filosofica mediante la quale definiremo insieme che cosa sia “La buona scelta“.

QUANDO E DOVE SI SVOLGERÀ?
Domenica 29 novembre 2020, dalle 9.00 alle 13.00, online su Skype.

COME POSSO ISCRIVERMI?
Inviando una mail a:
info@viva-mente.it
oppure a:
info@studioapprendimenti.com

La partecipazione è gratuita, con iscrizione obbligatoria.
Per garantire la giusta interazione tra i partecipanti, è previsto un massimo di 12 posti.

Il Seminario e la Pratica Filosofica saranno condotti dalla dott.ssa Ada Moretti, Counselor Filosofico Professionista e docente di Pratiche Filosofiche e Dialogo Socratico SSCF-ISFiPP

L’arte dell’incertezza (Seminario con Dialogo Socratico)

 

L’ARTE DELL’INCERTEZZA
Come abitare le domande della vita quando non esistono risposte

SEMINARIO
CON PRATICA FILOSOFICA

 

 

Oggi più che mai viviamo tempi incerti, che sfidano la nostra resilienza.

La vita stessa, nel cuore della pandemia da CoViD-19, ci sembra ogni giorno più a rischio, e in questa continua altalena di paure e speranze rischiamo di perdere la nostra visione del futuro. Tutto si riduce a un presente instabile, che ci vede costretti a poggiare su una piattaforma sempre più erosa dalle circostanze, finché l’incertezza esterna arriva a toccare anche ciò che siamo, minacciando la nostra identità e il nostro senso.

Che fare? Occorre ritrovare quanto prima lo spazio necessario per respirare liberamente, muoversi, vivere.

Per farlo, serve andare alle radici del concetto di incertezza e ripensare il significato che essa ha all’interno della nostra esistenza: capire che noi stessi siamo fatti di incertezza e che essa non è in sé un male, ma qualcosa che colora la trama della nostra vita in ogni momento.

Tentare di allontanare o di ridurre l’incertezza non serve a nulla se non a crearci un’ansia esistenziale ineliminabile: con essa bisogna invece imparare a danzare, integrarla nel nostro percorso, fuori e dentro di noi, conoscerla per ciò che è davvero, per smettere di averne paura.

 

COM’È ORGANIZZATO L’INCONTRO?
Il seminario, che si svolgerà in piccolo gruppo, si dividerà in due parti: la prima  sarà dedicata a una relazione in cui sarà presentato il tema dell’Incertezza nelle sue declinazioni fondamentali, per cominciare a porne i contenuti in una posizione dialettica e fertile; la seconda sarà rappresentata da un Dialogo Socratico, pratica filosofica comunitaria che consente di definire e riorganizzare concetti e pensieri complessi, giungendo insieme a nuove consapevolezze. Il Dialogo Socratico risponderà alla domanda: “Che cosa significa sentirsi vivi?”.

QUANDO E DOVE SI SVOLGERÀ?
Domenica 18 ottobre 2020, dalle 9.00 alle 12.00, nell’accogliente salone dello Studio “Apprendimenti” di Giussano (via A. da Giussano 35A, Giussano – MB).

COME POSSO ISCRIVERMI?
Inviando una mail a:
info@viva-mente.it
oppure a:
info@studioapprendimenti.com.

La partecipazione è gratuita, con iscrizione obbligatoria.

Il Seminario e la Pratica Filosofica saranno condotti dalla dott.ssa Ada Moretti, Counselor Filosofico Professionista

All’ombra di Nettuno

 

ALL’OMBRA DI NETTUNO

INCONTRI DI FILOSOFIA PER BAMBINI
SUI MITI

Rivolti ai bambini dai 7 ai 10 anni

 

 

Chi erano Nettuno e gli altri dèi? Come governavano sugli uomini e sul mondo?

I miti, antiche narrazioni che da millenni raccontano il rapporto tra gli uomini e il mistero della natura e della vita, ci mostrano come da sempre gli esseri umani si facciano domande su ciò che li circonda e si diano risposte che cambiano in base alle epoche e alle conoscenze.

Anche noi, in ogni incontro, impareremo a farci domande, a esplorare la realtà in cui viviamo e a formulare le nostre risposte.

Svilupperemo così, attraverso il confronto rispettoso con l’altro, il pensiero critico, creativo e valoriale proprio della filosofia.

 

COM’È ORGANIZZATO OGNI INCONTRO?
Ci ritroveremo in gruppo. Ogni volta leggeremo insieme un mito, ne trarremo una serie di domande, sceglieremo un tema da trattare e su di esso impareremo a far lavorare il pensiero, divertendoci e confrontandoci gli uni con gli altri.
Gli incontri saranno condotti con il metodo della Philosophy for Children  (P4C), ideato dal filosofo Matthew Lipman negli anni ’70 e oggi applicato in tutto il mondo per sviluppare la passione e le capacità di pensiero in bambini e ragazzi.
Ogni incontro dura circa un’ora.

QUANTI SARANNO GLI INCONTRI?
Da 3 in su, a seconda del ciclo.

DEVO PORTARE QUALCOSA?
Certo: curiosità e voglia di scoperta!

Tutte le informazioni su date, luoghi e modalità di partecipazione saranno disponibili a breve.

Gli incontri saranno condotti dal dott. Davide Gravellini, esperto in Filosofia per bambini, e dalla dott.ssa Ada Moretti, Counselor Filosofico

Responsabili del progetto: dott.ssa Ada Moretti e dott. Davide Gravellini

Perché cerchiamo un senso?

Poco tempo fa, al termine di un’impegnativa giornata di Convegno sulle complesse relazioni tra Filosofia e Medicina, sono stata intervistata da Patrizia Cortassa (che ringrazio) a proposito della mia professione di Counselor Filosofico.

L’intervista è appena uscita per l’Osservatorio Filosofico Permanente sull’Attualità.

Condividerla è per me un vero piacere, perché esprime il pensiero che guida la mia professione sull’utilità concreta del Counseling Filosofico per ognuno di noi e sulla sua integrazione con la Psicologia per creare una fondamentale sinergia nel prendersi cura della persona.

Nessuno di noi può vivere senza dare un senso alla propria esistenza e il Counseling Filosofico serve proprio a consentirci di raggiungerlo.

Buona lettura!

(Clicca qui o sull’immagine sottostante per leggere l’intervista)

Intervista Ada Moretti Counseling Filosofico